Notizie storiche e culturali

Spadellatori

Fin dal medioevo queste delizie delle tavole aristocratiche rappresentarono la base dell'alimentazione delle genti montane. Intorno all'anno 1000, sugli Appennini, i castagneti da frutto presero il posto dei boschi di querce e i castagni divennero una risorsa fondamentale, vere e proprie piante di civiltÓ. Tanto Ŕ vero che il castagno era chiamato, dalle popolazioni montanare, l'albero del pane.

Castagne e marroni erano fonte di sostentamento, ma anche di ricchezza. E perci˛ la loro coltivazione era attentamente regolata. Solo nel '700, con la diffusione di mais e patata, la superficie a castagneto diminuý. Ma nelle regioni collinari il castagno e i suoi frutti avevano ormai acquistato un'importanza che non avrebbero pi¨ perso fino all'etÓ industriale avanzata.

Nel contempo si mantennero vive a lungo, nella tradizione popolare, credenze, filastrocche e proverbi che avevano come protagonisti castagne e marroni. In collina, ad esempio, si diceva che i neonati si trovassero nei grandi alberi cavi di castagno.